Synapse, il chip digitale IBM emulerà le funzioni del cervello umano

Synapse, il chip digitale IBM emulerà le funzioni del cervello umano
TecnoYouth

Nato direttamente dalle ceneri del Blue Brain Project, avviato da IBM nel 2005, al fine di studiare la struttura cerebrale degli esseri umani in maniera minuziosa e puntuale, il progetto Synapse, sempre parte dei piani della estrosa IBM, mira a realizzare un chip dotato di migliaia di core neurosinaptici, per la precisione 4096.

Synapse-IBM

Il tutto rinasce con l’obiettivo ambizioso e sempre più realistico di aiutare le neuroscienze a misurare ciò che è effettivamente umano, e soprattutto la capacità dei sistemi hardware di emularlo almeno parzialmente, in vista del futuro.

Questo primo chip neurosinaptico è risultato di un’intervento cospicuo della Defense Advanced Research Projects Agency, un nome che non suonerà nuovo a chi da tempo segue il progresso della ricerca scientifica in campo neurologico.

Synapse è frutto di diversi tentativi distribuiti nel tempo: a partire dalle prime analisi di fattibilità del 2008, si è giunti progressivamente e inesorabilmente al chip attuale, basato sulle logiche di Von Neumann, che malgrado l’età tornano costantemente utili nella formulazione delle risposte del device.

In particolare, Synapse è in grado di trattenere i consumi dissipandoli gradualmente grazie al suo approccio prevalentemente event driven, ciò significa che viene messo in condizioni di operare esclusivamente quando ce n’è necessità.

Le operazioni così raggiungibili per watt sono oltre quarantasei miliardi/secondo, una cifra più che notevole, considerati i risultati ottenibili con mainframe e server alimentati con migliaia di mW in più.

Uno dei principali “svantaggi” risulta comunque essere la necessità di ristrutturare il paradigma di scrittura del software, a cui però IBM ha già provveduto inaugurando una serie di libraries, algoritmi e ambienti di sviluppo SDK appropriati.

La sfida proposta da Synapse è sicuramente uno dei principali motivi per sperare nel progresso delle neuroscienze, specialmente quando vengono contemporaneamente migliorati i suoi paradigmi grazie all’intervento della tecnologia.

Non resta che aspettare i primi emozionanti successi ottenuti dal chip, che tutto il mondo attenderà con viva trepidazione.

Synapse, il chip digitale IBM emulerà le funzioni del cervello umano
TecnoYouth